Uncinetto … questo sconosciuto

14522771_1852126911687141_5449472629268138199_n

Per prima cosa dobbiamo sapere che il lavoro all’uncinetto prende il nome dallo strumento che serve a produrlo. Con questo piccolo strumento si possono eseguire lavori di ogni genere: dai classici pizzi alle borse, da capi di abbigliamento a pupazzi, gioielli e coperte, cuscini e tovaglie.

Gli uncinetti hanno infatti una punta ritorta a uncino (da cui il nome), mentre l’altra è generalmente liscia e arrotondata. Possono essere in acciaio, alluminio, legno, plastica e anche osso. Si trovano in commercio con differenti numerazioni che vanno in proporzione al loro diametro. La scelta di questa numerazione è vincolata dalla dimensione del filato e dal tipo di lavoro che si intende eseguire.

Quando parliamo genericamente di uncinetto parliamo di quello che viene chiamato “uncinetto tedesco”, la cui lavorazione prevede solo giri di andata e che si suddivide a sua volta in:

  • Uncinetto semplice
  • Uncinetto a rete
  • Uncinetto a forcella
  • Uncinetto friulano
  • Uncinetto d’Irlanda o pizzo d’Irlanda

L’altro tipo di uncinetto prende il nome dall’uncinetto “tunisino” e nella sua lavorazione prevede sia giri di andata che giri di ritorno.

Per ora ci occuperemo solo dell’uncinetto semplice.

 

I punti fondamentali.

Catenella

Tutti i lavori all’uncinetto iniziano con una successione di catenelle che rappresentano la base da cui partirà il nostro lavoro.

Vediamo quindi in dettaglio come si esegue la catenella.

L’uncinetto va tenuto con la mano destra tra pollice e indice come fosse una penna. Con la mano sinistra si forma un’occhiello con il filo proveniente dal gomitolo oppure si fa un semplice nodo nel quale si introduce l’uncinetto. esistono diversi modi per fare l’occhiello iniziale, il mio lo trovi ben spiegato nel video che ho preparato per voi su Youtube.

Introducendo l’uncinetto in questo occhiello si raccoglie il filo proveniente dal gomitolo e lo si estrae formando cosi la prima maglia di catenella. Si ripete lo stesso movimento fino a raggiungere il numero di catenelle richiesto, tenendo le maglie lente perché la catenella di base tende “a tirare” rispetto  al resto del lavoro.

Ti lascio un esercizio da fare: esegui una catenella di 100 punti.

Ricordati di tenere i punti dalla catenella abbastanza morbidi! Ma senza esagerare ovviamente. A questo scopo ti consiglio di ripetere l’esercizio più volte in modo da farti “la mano”.

E per imparare meglio guarda questo video

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...